Agenesie degli incisivi laterali superiori

DESCRIZIONE CLINICA

𝗔𝗚𝗘𝗡𝗘𝗦𝗜𝗘 𝗗𝗘𝗚𝗟𝗜 𝗜𝗡𝗖𝗜𝗦𝗜𝗩𝗜 𝗟𝗔𝗧𝗘𝗥𝗔𝗟𝗜 𝗦𝗨𝗣𝗘𝗥𝗜𝗢𝗥𝗜
 

Le agenesie degli incisivi laterali rappresentano un problema di sempre maggiore riscontro nella pratica odontoiatrica.

Le esigenze funzionali ed estetiche del paziente richiedono la conoscenza di approcci terapeutici diversi in funzione del quadro clinico.

L’approccio convenzionale rimane sempre quello ortodontico e impantoprotesico.

 
 

CASO INIZIALE

Paziente di sesso femminile di anni 13 in dentizione mista.

Alla prima visita l’anamnesi della paziente rivela familiarità relativa all’agenesia degli incisivi laterali.

Le indagini anamnestiche confermano le agenesie e indicano le linee del piano di cura.

Trattamento ortodontico con apparecchiature fisse

La scelta è per una ortodonzia fissa per entrambe le arcate finalizzata alla creazione del fisiologico spazio per gli incisivi laterali.

La scoperta radiologica della malformazione radicolare

Durante il movimento ortodontico i controllli radiologici slatentizzano una malformazione della radice dell’ incisivo centrale destro che riduce lo spazio osseo disponibile e condiziona notevolmente la preparazione del sito implantare.

Pianificazione 3D del posizionamento implantare

Mai come in situazioni al limite diventa indispensabile un esame tac CBCT dove lo studio della terza dimensione dello spazio offre il  valore aggiunto necessario per la perforazione implantologica corretta.

La scelta dell’impianto Leone Narrow

La sistematica Leone mette a disposizione un macrodesign di impianto particolare per situazioni di atrofia ossea e spazi ristretti.

Si tratta dell’impianto Narrow con diametro ridotto di 2.9 mm. cilindrico alla base, conico in apice e con spira poco profonda.

Queste caratteristiche lo rendono maggiormente performante in spazi ossei esigui.

La tecnica piezochirurgica

L’utilizzo di una metodica ultrasonica nella preparazione del sito implantare ci permette di esercitare un minor trauma sull’osso ottenendone addirittura un maggior addensamento.

Il carico immediato

Subito  dopo l’inserimento carichiamo gli impianti utilizzando monconi temporanei in peek e provvisori in resina.

La naturale elasticità del peek rende il carico immediato più sicuro 

Finalizzazione del caso clinico

Trascorsi quattro mesi si procede alla fase finale.

Si rimuovono i monconi temporanei e si rileva un’impronta digitale.

Si utilizzano due monconi multitech identici ai tradizionali nella connessione ma innovativi nella parte estetica emergente.

Questa particolarità ci permette di ottenere un’ottima estetica finale.

 

Share:

Lascia un commento